Piero Paladini Art & Design

Il paese dei balocchi

E-mail Stampa
01-albero Il mondo delle idee ha forme nuove, corpi mai abitati prima prendono vita e manifestandosi creano stupore.

Se questo è il prezzo, ci dicemmo.... e sia, per le verdi girandole incantate e i bianchi cavalli dai finimenti d’oro e di porpora e per le lunari ruote che voltando ti portano prima in cielo e poi in terra e su quella a sfiorare i prati che cosparsi di leccornie rilasciano profumi di essenze e di mirto e di alloro... se vi è un prezzo da pagare, per tutto questo e perchè in realtà non ce ne importa, correremo il rischio.

Pinocchio – “E allora via Lucignolo, strappa dalle mani di quell’uomo la matassa zuccherina che profuma di lampone e non resisto ...scappa, scappa, che non v’è fiato sufficiente nella sua pancia per inseguir una giovane faina.”

Lucignolo –  “Ecco qui Pinocchio, caldi caldi, un bastoncino per me ed uno per te, morsi grandi e dita impastate nello zucchero per dare inizio alla nostra notte, uuumh...buono da stordire i sensi ...”

Pinocchio – “...quali dolcezze, Lucignolo mio, voglio leccare il mondo attorno e dire di non averlo mai fatto e mi s’allunghi pure il  naso,... uuumh, e poi non sarò certo stato io a decidere di riempirlo di tante e tali squisitezze.”

Lucignolo – “E’ di nuovo il nostro turno Pinocchio,  ciucciati per bene le dita appiccicose e al volo, la ruota ora risale...oplà, un bel salto per andare in cima fosse anche solo a questo folle paese che tanto ci vuol dare e mai nulla in cambio chiederà.”

Pinocchio – “Mai nulla, Lucignolo mio...io quel poco che avevo me l’ hanno già tolto a morsi quelle carogne...e quel che mi era stato bellamente promesso non mi è stato ancora dato...solo promesse e giuramenti, da morirne dalla noia.”

Lucignolo – “Non te ne affliggere Pinocchio, quel che conta è che ora siamo qui a gioire su questa enorme, magica ruota.”

Pinocchio – “Già, enorme e bianca e ridipinta di fiori turchesi e verdi, illuminata ai margini da una sbilenca fila di lucciole che ci mostrano il cielo appena sopra le nostre teste...”
 
You are here: Home Opere Pinocchio Il paese dei balocchi