Piero Paladini Art & Design

Cambiamenti epocali

E-mail Stampa
Giangiacomo Acaya - Uomo dell'ultimo Rinascimento
“...a manovrar la gru non dei semplici manovali, ma esseri con tanto di rostro, pronti a beccare chiunque si fosse avvicinato a quel che pareva il loro nido, la loro torre...”


Seguire più cantieri comportava una moltitudine di maestranze dislocate in svariati punti del regno e seguir il tutto era impresa, anche se ardua, resa possibile dalla stretta collaborazione con architetti locali che, sull'esempio del duca di Urbino Francesco Maria della Rovere, il quale diede vita a tale non sempre felice connubio, seguivano le opere nelle svariate fasi, sino al loro completamento.
Fu in uno di quei cantieri, durante la realizzazione d'una torre, che, forse per l'abbacinante luce o per la notevole altezza, mi parve di vedere a manovrar la gru non dei semplici manovali, ma esseri con tanto di rostro, pronti a beccare chiunque si fosse avvicinato a quel che pareva il loro nido, la loro torre....una volta ripresomi, venne poi chiaro alla mia mente che facevo una certa fatica a demandare a terzi la trasposizione della mia idea, che dalla carta doveva in fin dei conti venire al mondo, anche se attraverso mani che la vedevano e percepivano solo un pezzo per volta e solo alla fine nella sua interezza.
Ultimo aggiornamento ( Martedì 17 Novembre 2009 11:50 )  
You are here: Home Opere Giangiacomo Acaya Cambiamenti epocali