Piero Paladini Art & Design

Caccia alla volpe

E-mail Stampa
Giangiacomo Acaya - Uomo dell'ultimo Rinascimento
“Alla guerra ci eravamo entrambi preparati inseguendo le volpi tra i rovi e i rami che, fitti e puntuti come lance, venendoci incontro, frustavano le nostre carni con la stessa foga del nemico.“


In fin dei conti la vita andrebbe esplorata in ogni sua direzione, non solo in una, o almeno non subito. E’ per questo che mi ostino a raccontarti alcune delle mille strade da me percorse e che hanno finito per confluire tutte nella meravigliosa, e a volte dolorosa, scoperta di se stessi. Pensa…perfino il mio destriero, ad un certo punto del suo breve vivere, pretese dell'altro dal suo padrone e dalla vita, oltre che la biada e l’erba fresca del prato. Volle prima la giumenta e poi la battaglia, che in petto gli ardeva la folgore e saette in terra voleva sputare. Alla guerra ci eravamo entrambi preparati inseguendo le volpi tra i rovi e i rami che, fitti e puntuti come lance, venendoci incontro, frustavano le nostre carni con la stessa foga del nemico. E l’occasione, quella vera, arrivò nel 1528 quando dei francesi ostili giunsero nelle nostre terre. Allora io ed un gruppo di altri baroni ci unimmo a far cavalleria a fianco del Marchese di Atripalda, che ci condusse in battaglia in terra d’Otranto, in nome del Re Carlo V e in difesa del regno.
 
You are here: Home Opere Giangiacomo Acaya Caccia alla volpe